Chiama
Dove Siamo

Enti Locali

L’atto di disposizione del denaro pubblico va ricondotto nella disciplina dell’art. 314 c.p. non solo in assenza di motivazione o documentazione che valga a significare l’avvenuto perseguimento di interessi pubblici esistenti, ma anche ove la motivazione, pur esistente, ricopra finalità di copertura formale, per il perseguimento di finalità private, estranee a quelle istituzionali dell’ente.

Le amministrazioni comunali possono regolare l'attività degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici, a termini dell'art. 50, comma 7, del d.lgs. n. 267 del 2000 (nel testo applicabile ratione temporis), graduando, in funzione della tutela dell'interesse pubblico prevalente, gli orari di apertura e chiusura al pubblico.

In tema di pubblico impiego contrattualizzato, è devoluta al giudice amministrativo, ai sensi dell'art. 63, comma 4, del d.lgs. n. 165 del 2001, la controversia relativa al cd scorrimento delle graduatorie dei concorsi, quando la pretesa al riconoscimento del diritto all'assunzione sia consequenziale alla negazione degli effetti di un provvedimento amministrativo.

Presidente: D'ASCOLA PASQUALE
Relatore: TEDESCO GIUSEPPE

Corte Suprema Cassazione Presidenza Consiglio dei ministri European Court of Human Rights Ministero della Giustizia Ordini degli Avvocati di Catania Consiglio nazionale Forense
Studio Legale Avvocato Caruso - P.Iva 03245870872 - Via Dalmazia, 57 Catania - Privacy - Cookie